La seduzione

Mostra La seduzione

Il nuovo appuntamento della rassegna Il Tempo dell’Antico è dedicato al tema della seduzione: quaranta manufatti appartenenti alla collezione di Intesa Sanpaolo ne documentano aspetti amorosi, religiosi e sociali e narrano appassionanti storie che hanno come protagonisti divinità ed eroi mitici.

La seduzione nella cultura greca e magnogreca

Nella civiltà classica, azione essenziale nell’attuazione amorosa era la seduzione (eperopèuein) che induceva all’amore ammaliando e ingannando le menti e i sensi dell’uomo. La seduzione era considerata appannaggio delle donne il cui animo, non temprato alla resistenza della guerra, era debole e a essa incline. Essa si realizzava attraverso la compartecipazione delle diverse dimensioni sensoriali che suscitavano passione e desiderio: la bellezza dei corpi, delle vesti e dei monili, il profumo e le parole suadenti e ingannatrici, tutti strumenti che appartenevano all’universo femminile. La seduzione appariva quindi un “sapere” e un “potere” femminile anche pericoloso e minaccioso per la stabilità di una società, quella greca, in cui la forza socialmente attiva era solo quella maschile. Per ciò nell’immaginario artistico, il gioco della seduzione veniva confinato nell’ambito matrimoniale, dove trovava spazio in un’unica occasione: il primo incontro d’amore.
Oltre al nucleo di ceramiche attiche e magnogreche della collezione Intesa Sanpaolo, la mostra è arricchita da preziosi oggetti provenienti dal Museo Archeologico Nazionale di Napoli e dal Museo Archeologico di Reggio Calabria, a conferma del rapporto di collaborazione che da anni unisce le istituzioni per la reciproca valorizzazione delle raccolte museali.
Grazie a questa sinergia è stato possibile realizzare un percorso espositivo che accompagna il visitatore nel mondo della bellezza e della sensualità nell’antica Grecia attraverso le scene dipinte su statue, vasi, specchi in bronzo, contenitori per oli, trucchi e gioielli.

Le attività collaterali

Nel percorso di mostra abbiamo incluso quattro approfondimenti multimediali, realizzati in collaborazione con TVN Media Group – Arte e Cultura.

Nella Sala dei quattro continenti trovi:
L’immagine di Afrodite nell’arte: un percorso fatto di immagini e di parole alla scoperta di come gli antichi Greci rappresentarono Afrodite, la più bella della dee;
I grandi seduttori nel cinema: un appassionante video che traccia le varie strategie di seduzione rappresentate nella storia del cinema attraverso icone senza tempo come Rodolfo Valentino, Clark Gable e il nostro Marcello Mastroianni o miti contemporanei come Alain Delon, Johnny Depp e Antonio Banderas.

Nella Sala dell’antica Roma trovi:
Elena di Sparta: la seduzione della bellezza: un video dedicato alla storia mitica di Elena, la principessa spartana considerata la più bella tra le donne e irresistibile allo sguardo maschile;
Sirene, maghe e ninfe: seduttrici malefiche e ingannatrici: un video che approfondisce il lato più maligno della seduzione, quella che si realizza attraverso l’inganno e fuorvia le menti e i sensi dell’uomo.

Informazioni

Dove
Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari
Contra’ Santa Corona 25
Vicenza

Periodo
Dal 15 febbraio 2018 al 13 gennaio 2019

Orari
Da martedì a domenica dalle 10 alle 18 (ultimo ingresso alle 17:30)
Chiuso il lunedì

Ingresso
Intero: 5€
Ridotto: 3€
Gratuito per le scuole, i minori di 18 anni e la prima domenica del mese
Prenotazione obbligatoria per i gruppi e le scuole

Informazioni
Numero verde: 800.578875
Mail: info@palazzomontanari.com