PICASSO. Arlecchino con specchio (Arlequin au miroir)

Ospite illustre - Picasso

Dal 18 giugno all’11 settembre 2016, nell’ambito della rassegna L’Ospite illustre.

Le Gallerie di Palazzo Zevallos Stigliano a Napoli ospitano fino all’11 settembre una delle opere più note di Pablo Picasso, proveniente dal museo Thyssen-Bornemisza di Madrid ed emblema del momento classicista della sua carriera.

Arlecchino con specchio (Arlequin au miroir) rappresenta infatti il recupero del realismo da parte dell’artista andaluso nell’ambito del periodo del “ritorno all’ordine”, seguito alla fase distruttiva delle avanguardie storiche di cui era stato egli stesso protagonista.

Il dipinto è ospitato dalla sede di Napoli delle Gallerie d’Italia nel contesto de L’Ospite illustre, rassegna avviata lo scorso autunno con il Ritratto d’uomo di Antonello da Messina, proveniente da Palazzo Madama di Torino.

L’Arlecchino con specchio fa parte della serie dei grandi “Arlecchini seduti” realizzati durante il 1923. Il periodo noto come “ritorno all’ordine” fu influenzato dal viaggio in Italia di Picasso del 1917, durante il quale l’artista ritrovò interesse nella figura grazie al confronto con le opere della tradizione classica.

Nella composizione del dipinto Picasso seguì un percorso iconografico molto originale: se il cappello a due punte che il fanciullo aggiusta con la mano guardandosi allo specchio rimanda ad Arlecchino, il costume a calzamaglia è quello tipico di un acrobata, mentre il volto malinconico ricoperto di cerone richiama la maschera di Pierrot.

La presenza di questo capolavoro a Napoli è significativa, poiché rivela il legame privilegiato che Picasso ebbe con la città e la sua storia culturale e artistica. Per sottolineare tale rapporto, nel percorso espositivo di Arlecchino con specchio trova spazio una testimonianza relativa al balletto di Pulcinella di Igor Stravinskij, per il quale il grande maestro disegnò costumi e scenografia nel 1920. Per la loro realizzazione, a Picasso tornarono utili i ricordi delle passeggiate napoletane e le lunghe osservazioni della maschera di Pulcinella.

Grazie alla collaborazione con il Teatro San Carlo, la presenza de L’Ospite illustre è affiancata dall’esposizione di sei costumi di questo spettacolo, ricostruiti dai bozzetti di Picasso.

Contemporanea alla mostra di Napoli, il Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid ospita dal 21 giugno al 18 settembre 2016 Il Martirio di sant’Orsola di Caravaggio, appartenente alla collezione Intesa Sanpolo ed esposto abitualmente a Palazzo Zevallos Stigliano.

L’opera si trova a Madrid nell’ambito della mostra Caravaggio y los pintores del Norte, esposizione incentrata sul genio di Michelangelo Merisi e sulla sua influenza sui pittori nordici.

Biglietto
Intero 5 euro, valido per la mostra temporanea e visita alle collezioni permanenti
Ridotto 3 euro
Gratuito fino a 18 anni, per le scuole e per la clientela del Gruppo Intesa Sanpaolo

Orari
Martedì – venerdì dalle 10 alle 18 (ultimo ingresso ore 17:30)
Sabato – domenica dalle 10 alle ore 20 (ultimo ingresso ore 19:30)
Chiuso il lunedì

Scarica la cartella stampa