VÒCE Aimo e Nadia

Il percorso delle Gallerie d’Italia di Milano si completa con la proposta gourmet di Aimo e Nadia. Nasce il progetto VÒCE che unisce l’eccellenza culturale italiana a quella enogastronomica e arricchisce il museo di una caffetteria-gelateria e un ristorante. Servizi prestigiosi e dal sapore internazionale nel cuore storico della città di Milano.

La libreria

Palazzo Brentani Greppi è noto anche col nome “Ca’ Brentana” per un sonetto dedicato all’edificio dal poeta dialettale Carlo Porta. Ed è proprio ai libri e, in particolare, ai testi d’arte e ai cataloghi sulle mostre di Gallerie d’Italia che è stato destinato un ampio spazio di questa ottocentesca architettura affacciata su Piazza della Scala.

ORARIO

La caffetteria e la libreria

  • lunedì - venerdì dalle 8.00 alle 20.30
  • sabato e domenica dalle 9.00 alle 20.30

Il ristorante gourmet

Dal 23 aprile c.a. riapre Voce in Giardino, nella splendida cornice del Giardino di Alessandro - ingresso da via Manzoni 10, a pranzo e a cena:

  • a pranzo da lunedì a domenica dalle ore 12.00 alle ore 15.00
  • a cena da lunedì a sabato dalle ore 19.00 alle ore 23.00
Immagine interno caffetteria ristorante Aimo e Nadia

La caffetteria

Collegata alle Gallerie d’Italia ma sempre aperta al pubblico, la caffetteria consente di assaporare tutti i momenti della giornata, dalla colazione all’aperitivo. Qui è possibile anche degustare i prodotti della gelateria artigianale di Gusto 17 e acquistare quelli del territorio selezionati da Aimo e Nadia nella sezione La Dispensa.

INFORMAZIONI

Orari e prenotazioni sul sito voceaimoenadia.com

Il ristorante gourmet

Fabio Pisani e Alessandro Negrini, eredi dello storico brand Aimo e Nadia, portano all’interno di Gallerie d’Italia un’idea di cucina ispirata alla ricca proposta artistica del museo. Il menu nasce dal legame col territorio italiano e dalla stretta relazione coi produttori di fiducia delle materie prime. Un viaggio attraverso profumi e sapori che completa idealmente la visita alle Gallerie d’Italia. Nella stagione estiva, il ristorante si sposta all’esterno. Prenotando un pranzo o una cena, è possibile vivere l’emozione di uno spazio segreto e senza tempo: il giardino di Alessandro Manzoni. È un luogo molto amato dal genio milanese che, in una lettera del 1814 a Claude Fauriel, scrive:

“Per quanto mi riguarda sono tra la famiglia gli alberi e i versi. Abbiamo comprato una casa dove c’è un grande giardino di quasi un decimo di arpento, nel quale non ho mancato di piantare dei liquidambar, dei sophora, dei tuia, degli abeti, i quali, se vivo abbastanza, verranno un giorno a trovarmi dalla finestra.”

INFORMAZIONI

Orari e prenotazioni sul sito voceaimoenadia.com

più opzioni
ACCONSENTO