Matthias Schaller. Das Meisterstück

DOVE

Piazza della Scala 6, Milano
Sala delle Colonne



QUANDO

Dal 1 luglio al 28 agosto 2022

Da martedi a domenica dalle 9.30 alle 19.30, il giovedì fino alle 22:30

Lunedì chiuso

Ultimo ingresso: un’ora prima della chiusura

BIGLIETTI

intero 10 €, ridotto 8 €, ridotto speciale 5 € per clienti del Gruppo Intesa Sanpaolo e under 26; gratuità per convenzionati, scuole, minori di 18 anni, dipendenti del Gruppo Intesa Sanpaolo

 

ACQUISTA BIGLIETTI

La tavolozza è un oggetto che si trova in quasi tutti gli studi dei pittori. È un attrezzo che rimane solitamente lontano dallo sguardo del pubblico e della critica, silenzioso testimone del lavoro dell’artista.

Possiamo conoscere (e riconoscere) un pittore tramite la sua tavolozza?

È la domanda nata dalla visita che il fotografo artista tedesco Matthias Schaller fece nel 2007 allo studio di Cy Twombly a Gaeta. La somiglianza notata tra la tavolozza usata da Twombly e le sue tele, spinse il fotografo a definire un vero e proprio progetto di ricerca che lo ha portato, nel corso di molti anni e di molti viaggi, a visitare decine di musei, fondazioni, collezioni private e a immortalare le tavolozze che grandi protagonisti della pittura dell’Ottocento e del Novecento usavano per realizzare i loro dipinti.

Sotto l’obiettivo, questo oggetto d’uso, da semplice strumento di lavoro si è rivelato ponte di congiunzione tra la personalità dell’artista e la sua pittura. In ogni tavolozza, la preparazione delle tinte, la materia del colore steso, mescolato, essiccato, la vernice raschiata, la traccia della spatola o del pennello, le macchie esprimono l’intimo legame con la mano, il corpo, la mente dell’artista. Pittura prima della pittura, ne raccontano il modo di lavorare, le preferenze cromatiche, la gestualità con cui il colore è trasferito sulla tela; testimone toccante del percorso del pittore, la tavolozza ne costituisce il lascito.

Trasferita dalla sfera della pittura a quella della fotografia, la tavolozza si smaterializza fino a perdere ogni connotazione fisica e materiale; assume un nuovo significato, un nuovo status.

Non più utensile, trasmigra nella bidimensionalità della visione frontale, astratta.

Diviene essa stessa immagine.

La tavolozza, ci ricorda Kandinsky, è una “opera […] spesso più bella di qualsiasi opera” (Wassily Kandinsky, “Rückblicke”, 1913).

Nella Sala delle Colonne è presentata una selezione di 19 fotografie di grande formato del progetto in corso da 15 anni e che ad oggi si compone di più di 200 tavolozze di 86 pittori. La serie si chiama “Das Meisterstück” (“Il Capolavoro” o “The Masterpiece”).

Qui una fotografia della tavolozza di Giorgio De Chirico è posta in dialogo con il dipinto dello stesso artista, Manichini in riva al mare (1926), appartenente alle collezioni di Intesa Sanpaolo.

Biografia

Matthias Schaller, tedesco, nato nel 1965 a Dillingen an der Donau, ha studiato antropologia visiva presso le Università di Hamburg, Göttingen e Siena. Si laurea con una tesi sul lavoro di Giorgio Sommer (Frankfurt 1834 - 1914 Napoli), uno dei fotografi di maggior successo dell’Ottocento.

Il lavoro di Schaller è stato esposto, tra gli altri luoghi, alla Biennale di Venezia, alla Fondazione Giorgio Cini, Ca' Pesaro e Museo del Vetro a Venezia, al Museo d’Arte Moderna e al Museo di Arte Contemporanea di Rio de Janeiro, al Picasso Museum di Münster, al Victoria & Albert Museum di Londra, al Wallraf-Richartz Museum di Colonia, al Museum Serralves di Porto, al Museum of Fine Arts di Boston, al SITE di Santa Fe, e al Kunstpalast di Düsseldorf.

L’artista è stato insignito dei premi Fellowship - DAAD, Roma nel 1992, Fellowship - Tokyo Wonder Site, Tokyo nel 2008 e per tre volte, nel 2009, nel 2010 e nel 2020, del premio German Photobook Award. Schaller lavora con la Galleria Casamadre (Napoli) e la Sonnabend Gallery (New York City).

Matthias Schaller vive tra Vienna e Venezia.

 

 

 

Per informazioni:
– numero verde: 800.167619

più opzioni
ACCONSENTO