I Marmi Torlonia. Collezionare Capolavori

DOVE

Piazza della Scala 6, Milano

QUANDO

Dal 25 maggio al 18 settembre 2022

Da martedi a domenica dalle 9.30 alle 19.30, il giovedì fino alle 22:30

Lunedì chiuso

Ultimo ingresso: un’ora prima della chiusura

BIGLIETTI

intero 10 €, ridotto 8 €, ridotto speciale 5 € per clienti del Gruppo Intesa Sanpaolo e under 26; gratuità per convenzionati, scuole, minori di 18 anni, dipendenti del Gruppo Intesa Sanpaolo

 

ACQUISTA BIGLIETTI

Le Gallerie d’Italia di Milano presentano la mostra I Marmi Torlonia. Collezionare Capolavori /. The Torlonia Marbles. Collecting Masterpieces: 96 marmi della Collezione Torlonia, la più importante raccolta privata di statuaria classica. L’appuntamento milanese è una grande rassegna che inaugura, dopo Roma, il programma espositivo della Collezione presso importanti musei internazionali presentando cinque nuove opere. L’esposizione, curata da Salvatore Settis e Carlo Gasparri, nasce da un accordo tra la Fondazione Torlonia e il Ministero della Cultura - con la Direzione Generale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio e la Soprintendenza Speciale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Roma - autentico esempio di collaborazione tra pubblico e privato nel segno della cultura.

Il percorso di mostra si snoda in sei sezioni che, a ritroso nel tempo, analizzano la storia del collezionismo di antichità a Roma dal XV al XIX secolo, un aspetto sotto il quale la vicenda delle sculture del Museo Torlonia appare di eccezionale rilevanza. La genesi della Collezione si deve alla passione per il collezionismo di antichità della Famiglia Torlonia che trova il suo compimento nella Fondazione Torlonia, istituita con lo scopo di preservare e promuovere “l’eredità culturale della Famiglia per l’umanità” da tramandare alle generazioni future.

I visitatori sono accolti dal maestoso sarcofago consolare dalla via Ardeatina, con un gruppo di togati romani, negli spazi di grande respiro delle Gallerie, dove trova la sua ideale collocazione il colossale Dace prigioniero simile agli esemplari del Foro di Traiano, accanto ai ritratti di Domiziano e di Antinoo, recentemente restaurati, parte della celebre galleria dei 122 busti della Collezione. Il percorso espositivo termina con una sezione interamente dedicata ai restauri dove l’Ercole composto da 112 pezzi dialoga con la scultura della Leda con il cigno: in entrambe le opere sono visibili le diverse fasi degli interventi conservativi, per raccontare le sfide che deve affrontare il restauro contemporaneo.

Gallerie d’Italia ha voluto supportare questa fondamentale opera di conservazione contribuendo al restauro del sarcofago consolare e della scultura della Leda che aprono e chiudono significativamente la mostra. Bulgari ha contribuito, come main sponsor al restauro delle opere già esposte nella mostra Capitolina.

 Il coordinamento della produzione e dell'organizzazione della mostra è di Electa, anche editore del catalogo. Progetto grafico a cura dello Studio Leonardo Sonnoli.

È consigliata la prenotazione online 

Informazioni
Modalità di visita in sicurezza.
Per informazioni:
– numero verde: 800.167619

 
più opzioni
ACCONSENTO